Rio 350 dimensioni 121x51x66

Buona sera a tutti.
A settembre prenderò il nuovo acquario…lo so sto in netto anticipo ma sto in astinenza da un anno e non posso fare a meno di pensarci.
Come da voi suggeritomi iniziamo con ila pensare alla popolazione.
Questo è cosa mi piacerebbe e valutiamo insieme quanto sia fattibile o meno.
Mi piacerebbe inserire 5 o 6 scalari
un bel gruppetto(ditemi voi indicativamente quanti ne potri insere) di pesciolini da branco es hyphessobrycon o cardinali o petitelle
5 o 6 coridoras
2 o 3 garrarufa
Ultimo ma non indispensabile una coppia di ciclidi nani.
Sicuramente ci sarà qualcosa da rivedere no…:sweat_smile::sweat_smile:
Attendo i vostri suggerimenti e opinioni.:muscle:

Che cosa c’entrano con le altre specie? :thinking:

Mmm parliamo di commerciali o wildform? :sweat_smile:

I corydoras si muovono in gruppi, 6 esemplari son pochi.

Nel caso optassi per i corydoras non prenderei i ciclidi nani per la competizione sul fondo. Ma farei un solo folto gruppo di corydoras sul fondo, che dovrà ovviamente essere di sabbia finissima.

Parlando di ciclidi nani, che cosa ti piaceva?
@Shadow @sovramonte99

Eh fai bene a informarti per tempo! Anch’io ho imparato ad aver pazienza e progettare gli acquari con molti mesi di anticipo, e questo ha permesso di avere risultati migliori :wink:

Non so come si fa a fare le citazioni :sweat_smile:
Nei miei precedenti acquari ho avuto Otocinclus, gyrinocheilus, ancistrus ( a mie spese ho imparato che con le echinodorus è meglio non tenerli…lasciava solo le nervature), neritine, ma i garra li adoro… sono instancabili e delicati sulle folie ed arredi anche se sono un po’ turbolenti . Lo so che ho parlato di pesci di origine sud americana e loro sono asiatici ma sono davvero forti.

Per gli scalari ho sempre avuto i commerciali colorazione wild e se per i wild form parli degli Altum allevati o selvatici non li ho mai avuti, causa vasca non adeguata prezzi ed io non in grado di gestirli,

I corydoras in base alle dimensioni della vasca quanti ne metteresti ? Io li ho sempre avuti ma mi sembra di capire sbagliando perchè nel 100litri erano 5 e la sabbia era da 1 0 2 mm quindi non finissima, ma erano in salute cresciuti e panciuti.
Per la sabbia io avevo pensato alla colorado che non direi proprio sia finissima. Tu di che prodotto parli così mi documento.

I ciclidi nani mi piacciono i ramirezi agassizi trifasciata e lo so no c’entrano niente come i garra ma anche i pelvicacromis pulcher sono stupendi anche se quando li ho avuti in fase di riproduazione diventano aggressivi.

Seleziona la parte che vuoi citare e quindi premi su “cita”.

Probabilmente non erano alimentati adeguatamente, per arrivare a mangiare le piante in salute :thinking:

Il nostro scopo è creare acquari ben allestiti, che non siano solo una raccolta di pesci fighi, dove gli ospiti sono scelti in maniera intelligente in modo da avere tutti nelle condizioni migliori. Quindi rivalutei la popolazione. Lo so che può essere spiacevole rinunciare a qualche specie amata, però ne guadagna l’allestimento.
Scegliere le specie oculatamente, inoltre, consente di evitare episodi spiacevoli di aggressività e consente di apprezzare comportamenti particolari come riproduzioni, formazione di gerarchie e così via. Oltre al fatto che pesci tranquilli nelle condizioni ideali sono meno stressati e quindi di aspetto migliore, più resistenti a malattie etc etc

Cioè c’è solo da guadagnare allestendo bene :wink:
Hai la fortuna di avere abbastanza tempo a disposizione per pensarci bene: io lo sfrutterei!

Partendo da un gruppo di scalari ditemi voi quanti cosa mettereste con loro?

Se parli dei garra li vedevo funzionali allo scopo di tenere le foglie ben pulite, sono turbolenti ma mai aggressivi con gli altri pesci che avevo.
Datemi uno spunto per partire vediamo dove arrivo e ritocchiamo li dove non va :sweat_smile:

Non sono il mio forte quindi lascio rispondere agli altri :slight_smile:

I pesci non sono mai “funzionali” :unamused:
Se le foglie sono sporche, probabilmente è questione di scarsa filtrazione (se sono depositi di qualcosa) oppure problemi di fertilizzazione/luce/valori, se sono alghe. Problemi che comunque vediamo di evitare (visto che siamo in fase allestimento) o risolvere se capitano :wink:
Qui cerchiamo di capire le cause delle cose, non cercare dei palliativi ai sintomi. È un approccio un po’ diverso dal solito ma alla lunga ricompensa

Mmm. Sai che con gli scalari poi probabilmente dovrai separare la coppia e cedere gli esuberi?

Detto questo, farei un gruppo di 5 o 6 scalari.
E se vuoi i corydoras, allora eviterei di mettere dither fish in colonna, e farei un bel gruppo (15 esemplari) di corydoras. Ovviamente dello stesso tipo.
Non metterei altro.

Se non riesci ad avere delle foglie pulite dalle alghe, io cercherei il problema nella fertilizzazione, nella luce o nella gestione. Non metterei dei pesci che tolgono il problema visivo, e lasciano la causa (come inquinanti alti, fertilizzazione fatta male, ecc) :thinking:

Una qualsiasi sabbia non calcarea. Fine 0.1-0.3mm. Spesso nei negozi viene indicata come sugar size.
Il colore importa poco, evita nera perché poco naturale.
Se la trovi bianchissima, è un po’ un pugno nell’occhio all’inizio, ma col tempo tenderà ad ambrarsi.
@Max_Manfredi aveva trovato una sabbia venduta online. Mi pareva si chiamasse Carmar, che era della giusta sezione e di un bel colore ambrato.
Ovviamente se nel negozio vicino a te la trovi, non è necessario scomodare un corriere :wink:


Questo per rispondere alle tue domande.
Se invece mi chiedi cosa farei io con una vasca del genere, beh, ti risponderei che non esistono solo scalari neon corydoras e garra, ma che “il mondo è pieno di pesci” (ahahahhaha).
E quindi io cercherei una specie che ti piace. Se gli scalari commerciali li hai già tenuti, e ti piacevano i ciclidi nani, allora proverei a fare una vasca per loro. Questo non significa mettere 50 specie di pesci diversi, ma 2 specie (una di ciclidi nani e una di dither) ben studiate. E una vasca atta a permettere loro di comportarsi in maniera naturale.

A te, che specie piacerebbe di più in assoluto? Da tenere bene e da riprodurre, da osservarne i comportamenti?

Per dither intendi pesci pacifici…
Vorrei sicuramente un bel branco di hyphessobrycon e coridoras . Non metterei mai gli scalari per poi lasciarne una sola coppia quindi niente . Per i ciclidi nani se una coppia non si può inserire amen. Quindi no garra otocinclus o altri pesci del genere?

No, in italiano si potrebbe tradurre in “pesci bersaglio”.

Purtroppo la vasca è troppo piccola per permettere il formarsi delle giuste gerarchie.

Se ci son altre specie da fondo, purtroppo no.

Garra no, a meno che tu non voglia fare un acquario asiatico :wink:
Otocinclus dipende, se ti piacciono è da rivedere il resto della popolazione. Inoltre è da ricreare un ambiente adatto, ricco di alghe, per questo ci si può aiutare con delle rocce e legni che faranno da substrato alle alghe.

Se posso consigliarti, io trovo i caracidi abbastanza noiosi, nel senso, bello vederli in gruppo che girano (ammesso che tu abbia creato le condizioni adatte alla formazione del gruppo), però non han comportamenti molto particolari. Son gusti eh.
Io rinuncerei ai corydoras per poter tenere dei ciclidi nani, una coppia. E i caracidi come dither fish, qua però bisogna discuterne dopo aver scelto che ciclidi nani.
In un allestimento corretto, che crea i giusti territori, forse proverei un harem di Apistogramma trifasciata, e dei Nannostomus marginatus come dither fish.

Ovviamente se ti piacciono solo le specie che hai detto sopra, e non vuoi vagliare altre opzioni, vediamo che specie di hyphessobrycon e quale di corydoras scegliere, in questo caso avresti un acquario con un groppo di pesci che gira sul fondo, e uno che gira a mezza vasca. Fondo in sabbia finissima, qualche radice, e se vuoi semplicità di gestione, e funzionalità, terrei solo pistia galleggiante come piante. Certo è che ci son altri allestimenti considerabili.

Quindi acquario biotopo…

No, biotopo è una cura nei dettagli per imitare un particolare tratto di fiume, da foto e video registrati. Si imita una particolare zona, per esempio un acquario con pesci solo del tanganica non è un biotopo, se invece ha solo pesci di una zona della Ndole bay, e ne imita l’ambiente naturale tanto che a guardare l’acquario sembra di essere in immersione, allora è un biotopo.

Qua trovi molte vasche a biotopo:

Dietro a un biotopo c’è uno studio anche sulle specie di piante e pesci che son esattamente in quel tratto, se a 100 metri ne esistono altri, non vengono considerati.

Mentre noi cerchiamo di tenere i pesci in condizioni adatte, anche se non è necessariamente un biotopo. Mescolare continenti non mi sembra cosa saggia, visto che già in amazzonia possiamo individuare più di 3 condizioni differenti:

  • acque chiare morbide
  • acque scure morbide
  • acque bianche morbide
  • zone come la guyana francese con acque dure e trasparenti.

Oltre a differenze di valori, ci son differenze di condizioni, habitat, gestione, e allestimento.

buongiorno e scusate il ritardo :slight_smile:
allora in quelle dimensioni un trio di trifasciata ci sta molto bene, però o loro o cory. In alternativa agli scalari ci sarebbero anche i mesonauta ma in questo caso dovresti avere acqua nettamente più acida e quindi bisognerebbe pensare ad un altra specie di apistogramma, poi come compagni di vasca, come già detto, un gruppetto di caracidi va benissimo ovviamente bisognerà sceglierlo in base alle esigente degli altri inquilini; con caracidi grossi, tipo cardinali, le possibilità di accrescere avannotti di qualsiasi tipo si riducono drasticamente, cosa che non avviene con altri dither fish, ovvero pesci rassicuranti (i pesci bersaglio, o target fish, sono ben altra cosa e di solito vengono ‘usati’ da chi non sa gestire il temperamento dei ciclidi che ha in vasca).
In base alla popolazione che sceglierai più avanti, quando la vasca sarà matura, si potrebbe anche inserire un gruppetto di otocinclus spp, non per le “funzioni” che hanno ma semplicemente perché, anche loro, sono pesci tranquilli, simpatici da osservare e di facile riproduzione

1 Mi Piace

Io in quelle dimensioni farei qualcosa tipo foresta allagata con ciclidi nani e caracidi con queste buone dimensioni della vasca ti farebbero sballare con le loro interazioni ed i loro comportamenti😉

1 Mi Piace

Ops. Credevo che pesci bersaglio e rassicuranti fossero la stessa cosa. :sweat_smile:
Ovviamente intendevo l’utilizzo di pesci rassicuranti, non intendevo overstock per distribuire l’aggressività, ne nulla di simile.

Mettendo apistogramma ramirezi in che numero e quali caracidi ed in che numero?
Quindi mettendo i ciclidi nani niente pesci da fondo al massimo otocinclus giusto?

Quindi con le dimensioni della mia vasca gli scalari li potrei mettere?Mi faresti un esempio di allestimento con loro dicendomi numero ed esemplari che inseriresti per una giusta convivenza ?
Scusate ma mi interessa non avevo mai approfondito cosi tanto gli aspetti legati alla convivenza.
Sbagliando in vasca ho avuto una coppia di pulcher che si è riprodotta con successo in compagnia di cardinali garra e corydoras…un bel fritto misto.

Con gli altispinosa potresti chiedere a Federico che li riproduce con successo li un gruppetto ci starebbe benissimo!sui caracidi io rimarrei sul biotopo a sto punto

Mikrogeophagus ramirezi :wink:

Gli otocinclus purtroppo son spesso di cattura. Io li eviterei a meno di non essere sicuro di dar loro una buona sistemazione. Che include tante tante alghe. A meno che tu non punti alla loro riproduzione, ma non credo :wink:

Eh vabbe, anch’io all’inizio facevo le cose a caso. Invece studiando di più anche altri aspetti si ottengono risultati migliori.

I pulcher son facili da riprodurre. Il fritto misto è un classico di quando si inizia. In ogni caso non era così male.
Però ovviamente si può sempre migliorare. E il fatto che tu ti stia informando PRIMA di allestire è un chiaro segnale che vuoi fare le cose fatte bene, ed è positivo! :muscle:

Esatto, io ho mikrogeophagus altispinosus, non ramirezi.
Se vuoi c’è un articolo:

Nel forum invece c’è un topic dove aggiorno con foto l’ultima riproduzione. Attualmente li ho da soli. Ma nel caso ti piacesse come specie ne parliamo :wink:

Buon giorno a tutti
Ho dato un’occhiata agli altispinosa e devo dire che alcuni sono veramente belli come quello in foto sulla scheda descrittiva allegata da Fav0z, altri che visto nei video di youtube sono molto meno colorati.
Ma ci sono delle varianti sui colori come per esempio negli agassizi tipo double red?
In caso un gruppetto formato da quanti esemplari e per i caracidi Max parlava di rimanere nel loro biotopo. Guardando in giro ho visto che in natura convivono con hyphessobrycon eques (tetra sepae che mi pace molto), Gymnocorymbus ternetzi (black tetra, vedova nera), Hyphessobrycon megalopterus(Black phantom tetra), Thayeria obliqua (tetra pinguino ) ed anche Corydoras sterbai oltra ad altre spece di ciclidi che non metterei. Come la vedete e quali potrebbero essere gli inquilini migliori e in che numero? Mi sto appassionando :joy::joy:
Comunque i ramirezzi non li escludo poi mi studio un possibile ambiente con loro protagonist
i :stuck_out_tongue_winking_eye:

Le foto della mia scheda son prese quando sono in riproduzione.
Normalmente son meno colorati. C’è un topic dove vedi altre foto se vuoi. E poi ci son anche i video se vuoi avere un’idea migliore del colore.

Per fortuna non esistono selezioni come i double Red e cose simili. Queste selezioni mirano al colore, ma fanno spesso perdere i comportamenti che caratterizzano la specie.

I ramirezi tenuti bene son più colorati degli altispinosa tenuti bene. Io trovo gli altispinosa più belli a livello comportamentale. :wink:

Qua trovi altre foto:

Anche a me non piacciono le varianti che si discostano troppo dalle colorazioni wild, tipo pinne a velo e cose simili

Io ho avuto solo i ramirezi…tu che li hai avuti entrambe in cosa differiscono a livello comportamentale?cosa ti ha affascinato?