Informazioni generali sui pesci rossi

Continua la discussione da Fertilizzazione:

@Mich84, ho letto il tuo thread, ti scrivo qui qualche informazione generale sui pesci rossi che magari ti può tornare utile :wink:

La prima cosa che devi sapere è che i pesci rossi omeomorfi (corpo allungato) e i pesci rossi eteromorfi (corpo compresso a uovo e caratteristiche esagerate, come pinne lunghissime o occhi prominenti) hanno necessità di allevamento piuttosto differenti.

I valori ottimali per l’allevamento dei pesci rossi sono i seguenti:
pH da 7 a 8
KH da 8 in su
GH da 8 fino a 18 circa
NO2 sempre rigorosamente zero
NO3 alcuni studi indicano i pesci rossi come ampiamente tolleranti, capaci di vivere senza danno anche con concentrazioni di NO3 fino a 100 mg/litro, ma personalmente trovo che mantenere la concentrazione di nitrati bassa, al di sotto dei 25 mg/litro, consenta di mantenere sempre ottimale la forma generale del pesce e di evitare problemi di ustioni alle pinne o simili.
PO4: è un parametro a cui dei pesci rossi non interessa assolutamente nulla e che non causa loro fastidi se non in concentrazioni veramente elevate, quindi no problem.

Insomma, sono pesci tendenzialmente non esigenti in termini di valori, ma ci sono delle precisazioni generali da tenere a mente per garantire la salute dei tuoi pescioloni.

1. Non tutte le varietà hanno le stesse esigenze.
Numerose esperienze di allevamento hanno evidenziato che alcune varietà ornamentali prediligono acque tenere e acide, mentre altre danno il meglio di loro stesse in acque relativamente dure. Tra le varietà che preferiscono acque tenere e acide (e calde) possiamo annoverare tosakin, pearlscale e hamanishiki - pesci molto soggetti a morti improvvise in caso di durezze non perfette, che ti sconsiglio - e demekin varietà butterfly di importazione.

2. La provenienza conta
I pesci di provenienza estera, vuoi per il viaggio, vuoi per le differenti condizioni di allevamento (tra cui l’uso estensivo di antibiotici e/o pratiche alimentari che puntano a ottenere la massima dimensione in breve tempo) sono tendenzialmente molto, molto più fragili dei pesci rossi allevati in Italia. Se deciderai di dedicarti ai carassi sappi che questo discorso sarà causa di non poche frustrazioni, perché molte delle varietà ornamentali più interessanti non sono allevate in Italia, e hanno obiettivi problemi di salute. Anche per questa ragione è fondamentale fare una quarantena - minimo 30 giorni - a qualunque pesce di nuova introduzione.

3. L’alimentazione è un aspetto che va curato con grande attenzione

Ho visto che hai i granuli affondanti della sera per pesci rossi ornamentali, e quello è effettivamente un buon mangime. Però, per garantire una buona e duratura salute dei tuoi goldfish, è importantissimo offrire quanta più varietà possibile. Personalmente ho a casa una bella collezione di mangimi, circa 15 tipologie di circa 6 brand diversi. Esistono alimenti per la crescita, per il mantenimento della forma, per l’inverno, per l’incremento della colorazione. Il meglio che puoi fare è scegliere cinque granulati affondanti e ruotare la somministrazione durante la settimana; se vuoi, puoi anche offrire del chironomus congelato, ne vanno matti. Almeno una volta alla settimana è consigliabile offrire delle verdure, ed effettuare un giorno di digiuno. Questo schema - complicato lo so - aiuta a prevenire futuri problemi cronici alla vescica natatoria, un problema che affligge tantissimi pesci rossi ornamentali in età adulta.

Il tuo allestimento mi sembra gradevole sebbene non sia mai consigliata la convivenza con altri tipi di pesci, in particolare tropicali. Il “ventosino” potrebbe causare grossi problemi; ancistrus e plecostomus sono noti aggressori di pesci rossi, arrivano a strappare gli occhi ai demekin (ossia telescopici). Mi raccomando, con 250 litri sei già al limite di popolazione, quindi non aggiungere altri pesci rossi ma attendi che crescano, non ci metteranno molto.
Ultima cosa, sii regolare nei cambi d’acqua, e non mantenere temperature troppo alte, con i rossi meglio seguire una certa stagionalità :slight_smile:

Tutto qui! Se vuoi sapere altro, magari più nel dettaglio, dimmi pure :slight_smile:

4 Mi Piace

Grazieeee 1000 per i tuoi consigli utilissimi , e giá che è stato aperto questo discorso ti racconto un pô la mia gestione degli oranda cosi se noti qualcosa di errato , sarò lieto di leggere le tue considerazione , il confrontarsi è anche un modo per crescere .
Parto col dirti che gli oranda mi hanno sempre affascinato , sono simpaticissimi e molti nemmeno li apprezzano , a volte quando arrivava gente a casa mi diceva un acquario cosi grande e ci metti pesci rossi !!! Li guardavo malissimo per non mandarli a …
Per i valori dell’acqua tu dico il ph son giusto circa 7,5 o comunque sempre dai 7/8 , per quanto riguarda kh e gh li ce da lavorare io da rubinetto ho un acqua con kh2 e gh 3/4 per cui da quello che mi hai detto valori ben lontani da quelli necessari no2 0 e no3 sto bassissimo non ricordo bene li avevo messi da qualche parte , cambio 30/40 lt a settimana come magiare gli do il granulato perché inizialmente davo i fiocchi ma si infiammava la vescica natatoria mangiando a galla , e a volte gli do zucchine e piselli sbollentati , io non li lascio mai a digiuno un giorno perchè ho sempre paura che poi mi mangiano le piante . Io li acquisto senpre dallo stesso negozio non ho idea da dove arrivano , ho un oranda blu che cresce a vista d’occhio mentre gli altri meno . Ho avuto anche una riproduzione una volta andata a finre male non ero attrezzato . Una cosa vorrei chiederti mi è capitato un oranda a cui gli si sono alzate le scaglie e poi è morto non sono in grado di curarli quando capita , e quelle poche morti che ho avuto tutti x quella malattia li

Se vedi una risposta utile, schiaccia sul simbolo “cuore”.

Questo è simile al “like” di Facebook, ma ha anche altre funzionalità. Tipo se la discussione diventa lunga, c’è la funzione “riassumi” che tra le altre cose considera i cuori assegnati a una risposta.
(piccolo off topic giusto per chiarire…)

1 Mi Piace

Ma a dirti la verità anche a quelle durezze non patiscono particolarmente, anzi, tantissimi allevamenti (soprattutto orientali) scelgono di default un’acqua simile per tutti i pesci rossi. L’importante è la pulizia e in generale la tua gestione mi sembra buona, bene per i cambi d’acqua settimanali e anche per l’aver eliminato i fiocchi, fanno male. Se non vuoi fare il giorno di digiuno sostituisci con altre verdure :wink:

È proprio fondamentale variare nell’alimentazione, io personalmente uso Hikari, Repashy, SHG, jbl, vitalis e un po’ di mangimi da allevamento raccogliticci in giro, ti lascio immaginare com’è messo il mio cassetto della mangimistica :sweat_smile:

Per quel che riguarda il pescetto morto, hai visto l’idropisia in azione. In realtà non è una vera e propria malattia, ma un sintomo del collasso dei reni o di altro che causa un accumulo di liquidi (ma qui dentro c’è sicuramente qualcuno più capace di me nel spiegarti la questione). Succede spesso ai pesci rossi, teoricamente è anche curabile con una combinazione di antibiotici in molti casi, ma la recidiva è spaventosamente alta. Per evitare il problema l’unica cosa che puoi fare è prendere pesci già sani all’inizio (non che abitano in acquari zeppi di antibiotici per intenderci), tenere pulito e offrire un’alimentazione variegata, che concordi con le variazioni di temperatura, e senza spingere troppo su mangimi super proteici che alla lunga affaticano i reni dell’animale.

Invece per la crescita disomogenea non puoi farci molto; un po’ è questione di genetica, un po’ di come sono stati alimentati da avannotti, un po’ l’età del pesce (io stessa ho comprato pesci piccoli di taglia ma che avevano già sette anni, praticamente nani). Comunque nel caso tu voglia prenderne un altro, anche se viene dal negozio in cui hai comprato gli altri, fai lo stesso la quarantena, non hai idea di quante malattie devastanti possano portare questi animaletti, e spesso quelli che trovi in negozio non provengono tutti dallo stesso allevamento (e a volte nemmeno dalla stessa nazione eheh).

Ps parere personale: con quello che sporcano i rossi secondo me fertilizzare è proprio inutile… Al massimo una spintarella, ma ogni tanto, e senza azoto soprattutto

1 Mi Piace

Grazie 1000 allora cercherò di comprare altri mangimi per variare il più possibile , purtroppo non ho una vasca per la quarantena , vivo in 60mq al momento e giá questo acquario è “enorme “ appena finirò l altra casa e allestirò l acquario più grande potrei tenere questo o comprarne un atro x la quarantena tanto al momento non ho nessuna intenzione di inserirci altri pesci , anche perchè ne ho 7 in 200 litri e già come hai detto tu sono al osso con il litraggio , come dici tu a volte nel negozio si vedono pesci morti oppure con l ictio a go go allora evito di comprare , l ultima volta dopo l inserimento di un pesce mi hanno preso tutti l ictio e per fortuna conoscendo la malattia e osservando molto i pesci sono riuscito a sistemare alzando un pochino la temperatura areatore a palla e buio totale , comunque ti dico che a parte l oranda blu e il black moor che sembra cresciuto un pó gli altri sono in stallo a me sembrano sempre della stessa dimensione :joy::joy: , inizialmente ne avevo molti più li compravo a caso ora invece passo mezzora davanti alle vasche e cerco nel dettaglio , vorrei trovare alcuni particolari come il panda e con colorazioni diverse , settimana scorsa mi ha chiamato un negoziante che aveva trovato un tricolor rosso bianco e nero a 30€ di 10cm ma gli ho detto di no .
Comunque sto fertilizzando perchè ho le piante che soffrono , vorrei riuscire ad avere un acquario piantumato con gli oranda , è una bella sfida quasi inpossibile ma ho trovato piante che proprio manco le toccano per cui speriam bene . Mi fai vedere i tuoi pesciotti ???


Non si vedono bene, ma sono 3 demekin butterfly. Esteticamente il vascone è orrendo (uso grandi contenitori edilizi per fare dei laghetti interni) ma il tutto è funzionale e i pesci hanno parecchio spazio in cui nuotare :wink:
30 euro per un panda (anche se tecnicamente sarebbe magpie, i panda sarebbero i rossi e neri) non sono male, sai? Però il problema è che nel 99% dei casi ti perdono il nero nel giro di un paio di mesi, diventando bianco rossi o bianco gialli. Comunque avere piante con oranda è difficile ma non impossibile, devi beccare quelle che non piacciono. Tipo microsorum, ceratophillum, vallisneria, anubias. Tutta roba coriacea e non triturabile :grin:

Sicuramente ma sai che ho trovato piante che proprio non le calcolano !!! Pazzesco veramente , per natale dovrei allestire il nuovo acquario in casa nuova sono ancora in fase di progettazione , ma in stato confusionale :joy::joy::joy:. Mi piacerebbe fare un bel acquario piantumato con l erba e il muschio nei rami piante rosse ecc ma allo stesso mi piacerebbe avere gli oranda !!! Che disastro va be tanto per il momento non mi pongo il problema ho ancora quasi un anno davanti , una domanda se decisessi di farlo di oranda meglio che sia lungo che alto giusto ? La mia scelta ne metterci oranda è anche una questione economica , acqua che comunque non va riscaldata e un prezzo di acquisto decisamente conveniente rispetto a discus ecc ecc . Se facessi un 1500lt potrei mettere una 30ina di oranda

Vado leggermente OT
Per un acquario con pratino e piante esigenti probabilmente è meglio valutare di non mettere pesci. Ma è eventuale discussione separata.

Si immagino , diego era per parlare poi a tempo debito e quando mi sarò fatto le idee chiare fra qualche mese discuteremo di questo … una cosa alla volta se no qui faccio disastri :joy::joy::joy::joy: . Sono in piena formazione , devo acculturarmi per poi tornavi utile ad aiutare gli altri se riuscirò mai :sweat_smile::sweat_smile::sweat_smile:

Sì sì, tranquillo. Era giusto per mettere mezza mano avanti. Intanto guarda, prendi mano con la vasca che hai e poi si vedrà :wink:

Ehm sul discorso economico ti devo ahimè contraddire… Se vai su esemplari “normali” i prezzi sono bassi sì, ma se inizi a cercare pesci soddisfacenti in termini di standard allora… Ho visto esemplari “medi” ma di grossa taglia a prezzi superiori ai 300 euro per singolo pesce :joy:
Comunque meglio privilegiare l’ampia superficie rispetto alla profondità :wink:
Per quel che riguarda il pratino e piante difficilotte concordo con Diego, è quasi impossibile. Ovviamente agendo bene sulla dieta puoi limitare il loro istinto a sbranare, ma lo fanno anche per noia. Se poi trovi un esemplare già abituato a spiluccare le piante puoi stare tranquillo che presto inizierà anche il resto del branco!

2 Mi Piace

Eh immagino ma sai stavo valutando di non mettere oranda , primo perchè con l acqua che ho è uno spreco di sali immenso secondo perchè il rischio di piatumare e poi farmi mangiare tutto non mi va proprio , penso che punterò sui discus a tempo debito , però prima voglio capire bene come gestire una vasca e sopratutto per la vegetazione perchè se poi mindiventa come questo gli do una martellata

Non esistono solo Discus e pesci rossi.
Ti consiglio di aspettare e imparare con una vasca più piccola.
Dalla mia esperienza MAI farei un acquario in vasconi grandi. Perché è una rottura potarlo. Quando poto la mia vasca immergo tutto il braccio fino alla spalla, ed è una rottura.
Nell’acquario piccolo invece manco mi bagno.

Io già nel mio immergo il braccio per arrivare in fondo :joy::joy: ma non per potare di sicuro :joy::joy: comunque vedremo più avanti questa cosa