Sostituzione fondo

Salve ho allestito da poco un acquario a dicembre circa inserendo come piante limnophila Vallisneria myryophillum anubias poi il mese scorso ne ho inserita altre : ludwigia eleocharis pogostemon juncus lengandara e un altra piantina che non ricordo il nome. Adesso sono passate esattamente 4 settimane e le nuove piante non se la passano molto bene 1 proprio ieri l jo dovuta togliere nel farlo sono uscite parecchie bolle dal terreno( forse troppo fine askoll pure Sand Starlight granulometria 0.1-0.3mm) le radici della pianta erano tutte nere e puzzavano di marcio- e uova.

Avrei pensato di sostituire il fondo con della sabbia sempre fine per permettere ai corydoras e apistogramma di divertirsi, cioè JBL sansibar dark granulometria 0.2-0.6. prima domanda voi cosa ne pensate?

Durante i lavori penso di sostituire anche la Vallisneria che probabilmente mi crea allelopatia con alternanthera con alcune echinodorus anche per permettere alle radici delle piante di ossigenizzare il terreno. Conoscete altre piante con impianto radicale che facciamo al caso? Faccio bene?

Ho pensato di aggiungere per lo stesso motivo( zone anossiche) delle lumache scavatrici in oltre mi é stato consigliato un cavetto riscaldante sotto sabbia per fare circolare l acqua anche se ho letto sul sito della JBL per la sabbia che non si tratti di granulometria particolarmente indicata a tale scopo però probabilmente fattibile?

PS pensavo e se sopra al cavetto metto un cm di ghiaino giusto per coprire il cavo e sopra 5-7 cm di sabbia non penso che il ghiaino arrivi in superficie. Voi cosa ne pensate
Scusate se ne approfitto ho tante idee confuse in testa che trovo notizie dappertutto

Questo lo possiamo vedere in sezione Fertilizzazione, eventualmente. Se apri lì, dovresti mettere qualche foto delle piante problematiche e vediamo cosa può essere che causa il problema.

Certamente le specie che nominano apprezzano un fondo di sabbia fine. Tuttavia non credo che cambiando sabbia si risolva il problema. Piuttosto guarderei di assottigliare un po’ lo spessore, se le zone anossiche diventano troppo estese.
Che acqua usi per riempire l’acquario? Usi sali per remineralizzare, fertilizzanti, tabs di concime? Così vediamo di capire un po’ la situazione.

Se tieni il fondo non troppo spesso non occorre smuoverlo. Le zone anossiche si formano solo se il fondo è troppo spesso.

Inutile, se tieni un fondo sottile. Il cavo sottosabbia aiuta contro le zone anossiche ma non è l’unico modo per risolvere (anche considerando che non lo regalano).

Questo è un buon modo per avere zone anossiche. Dovresti tenerti su un fondo meno spesso, indicativamente 3-4 cm di profondità.

Ciao grazie per i consigli al momento lo strato di sabbia é tra i 4 e 5 centimetri credo che il problema sia che sotto ho aggiunto 1-2 cm di fondo fertile come mi hanno consigliato in negozio che però leggendo in giro così si crea più decomposizione favorendo le zone anossiche.
Come acqua ho utilizzato metà di rubinetto e metà ad osmosi. Fino a febbraio ho fertilizzato con JBL ferropol e tabs crypto tetra. Poi da marzo sono passato al protocollo pmdd con stick Flortis e qualche goccia di cifo azoto. Il cavetto me lo regalerebbe mio zio visto che lui non lo usa più perché a cambiato acquarii, mi occorrerebbe semai un termostato che ho visto stanno sui 15€.
3-4 cm bastano per poter piantumare? La scelta delle echinodorus può andar bene o meglio le cryptocorine o ne conoscete altre?
I 5-7cm anche se in presenza di cavetto lumache e piante che radicano a dovere sono una follia?

Sì, è corretto quel che hai trovato. Non conviene molto coprire con uno strato di sabbia relativamente spesso un fondo fertile.

Servirebbero le caratteristiche dell’acqua di rubinetto perché non tutte sono uguali. Trovi le caratteristiche nella bolletta o nel sito del tuo fornitore.

Sì, bastano.

Gli Echinodorus tendono a diventare abbastanza grandi, salvo alcune eccezioni. Per me puoi provare con piante più piccoline.

Eviterei spessi strati comunque. Considera anche che il cavetto scalda sempre, quindi potrebbe darti problemi di surriscaldamento in estate.

Ad ogni modo, l’allestimento deve essere funzionale alle specie ospitate, affinché possano vivere al meglio.

Per le piante, parliamo nella discussione in Fertilizzazione.

In generale strati alti di sabbia non servono a niente e creano solo problemi. Se devi piantumare magari pensa ad una zona limitata di fondo inerte un po’ più grosso.

Con piante un po’ più piccole conosco le cryptocorine che hanno un portante sistema radicale. Ne conosci alte quali consigli?

Ragazzi buonasera nel fondo vorrei inserire un cavetto riscaldante mio zio me ne regalerebbe uno che lui non usa.
Sarebbe questo indicato per acquari da 100a250litri da80 a 100cm e fa 20 watt
Adesso il mio acquario é 80x30 e contiene circa 100litri secondo voi può andar bene? 60927

È come se avessi un riscaldatore da 20 W sempre acceso. In 100 litri riesce a scaldare e potrebbe darti problemi in estate (non so dove abiti quindi può non essere il caso).

Comunque gli vorrei attaccare anche un termostato
PS vivo in Trentino a circa 600m sul livello del mare comunque le temperature in casa arrivano tranquillamente a 28-30 gradi

Quindi in estate non si accenderà, probabilmente, e non avrà alcun effetto. Secondo me c’entra poco in questo allestimento, quel cavetto sottosabbia :roll_eyes:

Alte o altre? :joy:
Quelle che hai vanno bene. Molto non necessitano del fondo per assorbire i nutrienti quindi ti basta avere un mezzo fisico con cui piantarle. La sabbia è abbastanza fine quindi uno strato da pochi cm basta e avanza per piantare con qualche bestemmia (più sabbia crea più problemi e poi le bestemmie aumentano). L’anubias non va interrata. Non credo che il fondo sia il problema. Hai pesci dentro? Perché se non ne hai riparti con poca sabbia e niente fondo fertile. A che inquilini pensavi?

Sì ho dei pesci in vasca ma pensavo di sostituire il fondo per togliere quello fertilizzanti che penso sto creando problemi visto che molte piante marciscono