Buongiorno a tutti, mi presento!

Buongiorno a tutti,
Mi presento, sono Simone, piacere.
Vi ringraziano anticipo x i consigli che mi vorrete dare. Il mio primo acquario e’ di acqua dolce da 100 litri con con terriccio da giardinaggio, esente da elementi chimici con fibra di cocco e legni.
Da una settimana ho inserito il filtro biologico e e 2 piante (una filiforme e una con foglie ovali).
Ogni giorno inserisco 10ml di batteri AMTRA CLEAN x una rapida maturazione del filtro.Al momento l’acqua risulta ancora giallastra ( immagino x i tannini) torbida e il fondo presenta come dei batuffoli bianchi.Luce neon T8 da 25W ciascuno x 8h al giorno circa e filtro meccanico con lana perlon e e 2 spugne più cannolicchi vetro.Allego qualche foto.

Ciao e benvenuto!!

I presupposti sono ottimi, lascia maturare bene mi raccomando!
Hai già idea su cosa ospiterai?

La pianta “filiforme” è Egeria densa, l’altra è una qualche specie di Cryptocoryne

1 Mi Piace

Ciao ti ringrazio x la celere risposta e per delucidazioni, devo confidarti che mi hai consolato, pensavo di aver già combinato un pasticcio.Ho dimenticato che la temperatura dell’acqua e’ di circa 22 gradi, ed i valori non li conosco.Come pesci pensavo di ospitare una decina di pesci neon, ma non prima di un’altra settimana di maturazione. Cosa ne pensi?

Ciao Simone e benvenuto! :hugs:

Come diceva anche @sovramonte99 , meglio aspettare un altro po’ per la maturazione, quantomeno finché l’acqua non diventa limpida (nel senso che non ha componenti in sospensione, non che deve essere trasparente) e i valori non si stabilizzano. Per quanto riguarda i valori, sarebbe utile, specialmente all’inizio, controllarli, per vedere come procede e se i valori sono corretti per le specie da inserire.

Per quanto riguarda la maturazione, ti propongo questo articolo sul ciclo dell’azoto e sulla maturazione. È parecchio lungo ma credo possa darti maggiore consapevolezza di quello che sta succedendo ora nel tuo acquario, compresi batuffoli bianchi, torbidità e batteri inseriti!

Come al solito, se hai qualche dubbio sull’articolo o su qualsiasi altra cosa, siamo qui. Apri pure le discussioni che ti servono :slight_smile:

1 Mi Piace

Ma vi ringrazio, sono felice che ci sia gente come voi, fa di internet un posto migliore!

1 Mi Piace

Buonasera,

A seguito rilievi chimici dell’acqua presa dall,'acquario in oggetto, aggiorno questa discussione con quanto rilevato:

PH 7 e KH 13.

Oggi ho aggiunto 5 Paracheirodon Innesi, hanno mangiato e mi sembrano molto a loro agio.la temperatura dell’acqua attualmente e’ di 22 gradi come suggeritomi la sto portando a 25.

Allego fotografie.

Saluti.
Simone

Ma scusa, è passato il picco dei nitriti?

Perché inserisci pesci con valori ancora sballati?
Quali sono gli altri valori oltre al KH e al pH?
L’acqua torbida non è una cosa normale.

Hai messo dei pesci, ma che cosa vorresti fare di preciso? Qual è il tuo progetto?

Buongiorno,

Il valore dei nitriti non ho potuto misurarlo, in quanto non dispongo ancora del tester.
Posso dire che da un mesetto ho inserito piante che ne stabilizzano il valore ( egeria densa ).
Ho inserito i pesci perche’ il valore del PH era stabile, oggi comprero’ della torba per abbassare il valore del KH.
L’acqua sembra torbida ma e’ sono le foto del cellulare che non rendono giustizia, vi assicuro che e’ bella limpida, ma cmnq ambrata per via dei tannini rilasciati dal fondo con presenza di legni.
Il mio progetto e’ quello di ricreare un corso del fiume amazzonico del peru’ con acque scure

Grazie, saluti.
Simome.

Scusa, ma mi sa che devo correggere alcune cose:

Ma quale valore? Che non hai test per misurarlo. Come fai a dirlo? Sei sensitivo? :rofl: :rofl: :rofl:

Non ha senso questa frase: è come dire “ho sete, quindi gioco alla play”. I pesci vanno inseriti DOPO il picco dei nitriti, e una volta che l’acquario è stabile, cioè non fa sbalzi di valori continui, si son formate le prime alghette, e le piante crescono senza problemi, quindi magari son già state potate qualche volta.

Tu ce lo assicuri, però secondo noi l’acquario va gestito in maniera più responsabile. Capiamo benissimo la fretta, tuttavia è una cattiva consigliera in questo hobby. Oltre a creare magari danni economici (interventi per sistemare l’acquario) potrebbe mettere a rischio la vita dei pesci, siccome ci son esseri viventi, io procederei con maggiore cautela :wink:

Cioè?


Detto questo, cerchiamo di essere costruttivi, e imparare dagli errori fatti, che ne dici? :blush:

Questo KH è troppo alto per un amazzonico di acque scure, ma prima dovresti definire BENE ciò che vuoi fare, se vuoi ne discutiamo anche qui, possiamo anche darti qualche idea. :grin: :grin:
Per abbassare il KH di solito si fanno prima dei cambi, tagliando l’acqua con osmosi. La torba si usa dopo, quando il KH è già abbastanza basso.

Dalla foto, l’egeria è parecchio in difficoltà, devi aspettare sia rigogliosa.

Ti invito a leggere questo articolo, prenditi il tempo che ti serve a capirlo bene.

I test necessari (secondo me) sono:

  • Nitriti (che ti serve all’inizio), NON puoi sostituirlo con le tue impressioni, tipo “mi sembra stabile”
  • Nitrati (che ti serve più o meno sempre, anche se dopo qualche anno inizierai a capire il loro andamento perché è sempre circa quello in uno stesso acquario.
  • pHmetro, lo trovi anche su amazon a 10 euro, molto comodo per testare se i tuoi interventi stanno influendo effettivamente sul pH
  • Fosfati: ti serve a vedere come si comporta l’acquario, è uno dei valori “inquinanti”, da un lato è utile per la crescita delle piante, dall’altro dannoso per i pesci. Si tratta di trovare un equilibrio, che di solito è: “se misuri sempre 0 ma le piante crescono, significa che i fosfati prodotti dalla decomposizione son assorbiti completamente dalle piante”.
  • conduttivimetro: forse l’unico test che userai spessissimo, è comodo, il suo valore e il suo andamento nel tempo dicono molto dell’acquario.
  • KH e GH (test durezze) ti servono all’inizio per regolare i valori, poi se cambi sempre con la stessa percentuale di acqua, tagliata allo stesso modo, salvo casi particolari rimarranno stabili.

Ti consiglio di procurarteli pian piano tutti, magari con le priorità giuste, tipo adesso ti serve quello nitriti, il GH, e il conduttivimetro.
Poi procurati anche pHmetro e fosfati, magari più avanti. Per distribuire la spesa.
Vedrai che all’inizio li userai spesso, per capire come funziona, poi pian piano diraderai la frequenza dei test, salvo casi particolari.

Un altro consiglio, non basarti dalle tue impressioni, potrebbero trarti in inganno. :wink:
Il procedimento più corretto è: farsi un’idea, testare, vedere se i test confermano o meno l’idea, e fare le dovute valutazioni. Anche mettere qualche foto qua e chiedere le opinioni di chi c’è, può essere un aiuto, quindi quando hai qualche dubbio, non temere a scrivere qua, di solito qualcuno risponde entro breve. :wink:
Le uniche domande stupide sono quelle non poste :slight_smile:

2 Mi Piace

Ti ringrazio per il tempo dedicato!
Domani mi arrivano i test 6 in 1 della Tetra.
Inseriro’ i risultati qui di seguito, cosi da poter seguire qualche vostro consiglio,grazie ancora.

Grazie,Saluti.
Simone.

Buonasera a tutti,
Dopo aver affidato i pesci ad un mio amico, ho finalmente eseguito i test completi dell’acqua presente in acquario:
Tetra Aquatics I risultati di misura - 5. Marzo 2020:

Nitrato mg/l - 5
Nitrito mg/l - 0.93
Durezza totale °dH - 11
Durezza carbonatica °dH - 20
valore pH - 8.8
Cloro (CL2) mg/l - 0.0
Diossido di carbonio mg/l - 0

Allego foto.
Saluti
Simone

Come puoi vedere, l’acquario non è ancora maturo a sufficienza e idoneo per ospitare pesci.
I nitriti sono ancora misurabili e ciò significa che batteri e piante non riescono a convertire sufficientemente i nitriti in nitrati, che sono meno dannosi.
Anche le durezze, GH e KH, non sono molto idonee per le specie che vorresti ospitare. Le barre verdi/gialle/rosse dell’app sono un’indicazione molto di massima dei valori ma non necessariamente vanno bene per le specie ospitate (anzi, quasi mai).

Consiglierei quindi di continuare con la maturazione, fare un test di tanto in tanto (non serve ventordici volte al giorno!) e vedere come procede. Se necessario fai cambi d’acqua per sistemare i valori. Se hai dubbi, chiedi pure

1 Mi Piace

Ti ringrazio per la risposta, nell’immediato ho provveduto a rabboccare l’acquario con acqua di rete, siccome con il precedente livello portava l’uscita della pompa a 20 mm circa dal pelo dell’acqua,creando un getto che muoveva la superficie ed ho letto che questo movimento creava una riduzione della CO2, rallentando la crescita delle piante.
Il negoziante che vende i pesci nei che vorrei acquistare mi ha detto che i valori a cui gli alleva sono KH10 e PH 8 (il negoziante mi ha consigliato di mettere una pietra calcarea per abbassare i KH attualmente a 13 testati con reagente liquido)
Potreste consigliarmi come abbassare i GH?
E per abbassare i nitriti potrei usare un nitrate minus o ancora dei batteri liquidi?
Grazie ragazzi, siete il TOP!
Saluti
Simone

Non solo, comunque. La crescita delle piante dipende da molteplici fattori e la CO2 è solo uno di questi.
Ne parliamo qui:

Il fatto che lui li tenga a quei valori non significa che vadano bene per le varie specie, visto che ogni specie ha sue esigenze e necessità in termini di acqua e valori. Noi promuoviamo un allevamento corretto delle specie, per quanto possibile, in maniera da mantenerle al meglio.

Consiglio errato, poiché le pietre calcaree rilasciano carbonati (tra cui il calcare) che alzano il KH.

Facendo cambi con acqua con GH più basso di quello presente in acquario.
Il GH è lineare, per cui se mescoli un litro di acqua a GH 8 con un litro di acqua a GH 4 ottieni due litri d’acqua a GH 6. Stesso principio per il KH e la conducibilità (ma non per il pH).
Visto che hai sia GH sia KH molto alti per le specie che intendi ospitare, ti conviene fare cambi con acqua di osmosi o demineralizzata. Questi due tipi di acqua sono privi di sali e minerali disciolti per cui hanno GH, KH e conducibilità zero o quasi.

La risposta dovresti averla trovata nell’articolo che ti ha già consigliato Federico in precedenza :wink:

1 Mi Piace

Buongiorno a tutti gli appassionati,
Con il presente invio i dati e le fotografie a distanza di 2 mesi dall’ultimo post.
Nonostante non abbia l’impianto di CO2 ,posso dire che sia l’Egeriadensa e anche un po’ la Cryptocorine stanno crescendo (nonostante i valori di CO2a zero.
Per il momento non me la.sento di inserire pesci, come consigliato aspettero’ che i valori si stabilizzano.
Per abbassare la durezza carbonatica e il PH, oggi ho iniziato il trattamento con PH Minus.Allego fotografie e valori dell’acquario.
Un saluto a tutti!
Simone.

Ciao e benvenuto!
Allora, è il tuo primo acquario? Cosa vorrai ospitare? Con cosa hai fatto i test?

Scusa la raffica di domande ma è necessaria per aiutarti al meglio :slight_smile:

Il pH minus lascialo pure perdere, ci sono modi più funzionali, efficaci e di sicuro sicuri per abbassare il pH…ma una cosa alla volta, intanto vediamo di capire cosa vorrai vare con questa vasca!

Ciao Grazie,
Lo stile del mio primo acquario e’ tipo Diana Waltad, quindi con terra fertile da giardinaggio (senza torba).
Test eseguiti con Tetra Test strisce 6 in 1.
Mi piacerebbe poter ospitare una decina di Paracheirodon innesi.
Mi piacerebbe confrontarmi con i vostri valori.
Grazie x le risposte,
Simone

le striscette non danno risultati attendibili, quindi quei valori non li considerare…se riesci compra dei test a reagente quanto meno per pH KH GH NO2 e NO3, poi, vista la gestione che vuoi adottare anche i PO4 faranno comodo…

Ti consiglio di leggere con calma questo articolo perché, molto schiettamente, al momento sei molto lontano da quello che è un acquario Walstad, ma non c’è nulla di irreparabile :slight_smile: